Formazione

PFIA - Piano di Formazione, Informazione e Addestramento

pfia1

Attraverso l’erogazione del servizio (PFIA) Piano di Formazione, Informazione e Addestramento, Insula assicurerà al cliente la disponibilità di uno strumento Gestionale in grado di:

Identificare e gestire le reali esigenze formative ed informative del personale relativamente ai rischi individuali e collettivi

Programmare le attività di formazione, informazione e addestramento finalizzate a mantenere costantemente nel tempo il rispetto delle procedure di sicurezza.
 Inoltre garantirà, ai Datori di Lavoro  un valido supporto per la progettazione, pianificazione ed esecuzione delle attività di formazione, informazione e addestramento

Realizzare un progetto di prevenzione integrativo che vada oltre il mero adempimento normativo

Elenco Corsi

Per maggiore dettagli o per un corso personalizzato? Chiamaci al numero 06.876.429.09 oppure invia una mail a info@insula.srlCalendario completo Corsi

Corsi per RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza) D.Lgs 81/2008 e smi.

RSPP_1

In Aula 32 ore
In Aula aggiornamento* 4 ore
In Aula aggiornamento* 8 ore

Il Rappresentante dei Lavoratori rappresenta e tutela i diritti dei lavoratori nell’ambito della sicurezza sul lavoro all’interno delle aziende

*Aggiornamento: 4 ore in aziende con meno di 50 lavoratori; 8 ore in aziende con più di 49 lavoratori

Programma e articolazione corso

1° giornata

Principi giuridici comunitari e nazionali, legislazione generale e speciale in materia di salute e sicurezza sul lavoro:

  • La gerarchia delle fonti giuridiche
  • Le Direttive Europee
  • La Costituzione, Codice Civile e Codice Penale
  • L’evoluzione della normativa sulla sicurezza e igiene del lavoro e il D.Lgs. 81/08
  • Statuto dei Lavoratori e normativa sulla assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e malattie professionali
  • La legislazione relativa a particolari categorie di lavoro: lavoro minorile, lavoratrici madri, lavoro notturno, lavori atipici, etc.
  • Le norme tecniche UNI, CEI e loro validità
  • Il sistema delle prescrizioni e delle sanzioni

Principali soggetti coinvolti e i relativi obblighi:

  • Il Datore di lavoro, i Dirigenti
  • I Preposti
  • Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), gli Addetti del SPP
  • Il Medico Competente (MC)
  • Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale (RLST)
  • Gli Addetti alla prevenzione incendi, evacuazione dei lavoratori e pronto soccorso
  • I Lavoratori
  • I Progettisti
  • I Fabbricanti, i Fornitori – gli Installatori – i Lavoratori autonomi
  • La gestione degli appalti

II sistema pubblico della prevenzione:

  • Vigilanza e controllo
  • Informazione, assistenza e consulenza
  • Organismi paritetici e Accordi di categoria

2° giornata

Definizione e individuazione dei fattori di rischio:

  • Concetti di pericolo, rischio, danno, prevenzione
  • Analisi degli infortuni: cause, modalità di accadimento, indicatori, analisi statistica e andamento nel tempo, registro infortuni
  • Informazione sui criteri, metodi e strumenti per la valutazione dei rischi

La valutazione dei rischi e l’individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione:

  • Contenuti e specificità del documento di valutazione dei rischi: metodologia della valutazione e criteri utilizzati
  • Individuazione e quantificazione dei rischi, misure di prevenzione adottate o da adottare
  • Priorità e tempistica degli interventi di miglioramento
  • Definizione di un sistema per il controllo della efficienza e della efficacia nel tempo delle misure attuate
  • Il documento di valutazione dei rischi interferenti negli appalti (DUVRI)

Tecnica della comunicazione:

  • I processi di comunicazione organizzativa
  • Gli strumenti per la trasmissione delle informazioni
  • La tipologia delle informazioni sulla sicurezza
  • Gli aspetti psicologici della sicurezza lavorativa, la dinamica psicologica dell’infortunio
  • I fattori critici per prevenire gli infortuni, la responsabilizzazione delle persone

3° giornata

  • Il rischio rumore
  • Il rischio vibrazioni
  • Il rischio da radiazioni ionizzanti, non ionizzanti e ottiche
  • Il rischio da campi elettromagnetici
  • I Dispositivi di Protezione Individuale (DPI): criteri di scelta e utilizzo
  • Il quadro legislativo antincendio e il Certificato di Prevenzione Incendi
  • La gestione delle emergenze
  • Il rischio incendio ed esplosione
  • Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale

4° giornata

  • Il rischio da ambienti di lavoro; Il microclima; L’illuminazione
  • Il rischio videoterminali
  • Il rischio movimentazione manuale dei carichi
  • La classificazione degli agenti chimici; I rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, cancerogeni e mutageni
  • La protezione da agenti biologici
  • Il rischio elettrico
  • Il rischio meccanico, Macchine, Attrezzature
  • Il rischio movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi di trasporto)
  • Le verifiche periodiche obbligatorie di apparecchi e impianti
  • Il rischio cadute dall’alto

Valutazione e certificazione

I requisiti per l’attestato, rilasciato in collaborazione con l’Ente Bilaterale, sono:

  • Frequenza di almeno il 90% delle ore di formazione previste dal corso
  • Esito positivo del test di verifica

Corsi per Preposti D.Lgs 81/2008 e smi.

preposto

In Aula 8 ore
In Aula/eLearning 8 ore
In Aula/eLearning AGG* 8 ore

Il preposto, privo del potere  o dovere di predisporre mezzi e strutture, svolge compiti di controllo e sorveglianza, con corrispettivi poteri organizzativi e disciplinari.

*AGG Aggiornamento quinquennale

Programma e articolazione corso

  • Principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale: compiti, obblighi, responsabilità
  • Relazioni tra i vari soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione
  • Definizione e individuazione dei fattori di rischio
  • Incidenti e infortuni mancati
  • Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare neoassunti, somministrati, stranieri
  • Valutazione dei rischi dell’azienda, con particolare riferimento al contesto in cui il preposto opera
  • Individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione
  • Modalità di esercizio della funzione di controllo dell’osservanza da parte dei lavoratori delle disposizioni di legge e aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro, e di uso dei mezzi di protezione collettivi e individuali messi a loro disposizione

Valutazione e certificazione

I requisiti per l’attestato, rilasciato in collaborazione con l’Ente Bilaterale, sono:

  • Frequenza di almeno il 90% delle ore di formazione previste dal corso
  • Esito positivo del test di verifica

Corso antincendio personalizzato in base alle caratteristiche  aziendali conformi al D.M. 10 marzo 1998, allegato IX

antincendio

Rischio Basso

In Aula 4 ore

Rischio Medio

In Aula + prova pratica 8 ore

Rischio Elevato

In Aula + prova pratica 16 h

Programma e articolazione corso

Rischio Basso

L’incendio e la Prevenzione (1 Ora)

  • Principi della combustione
  • Prodotti della combustione
  • Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio
  • Effetti dell’incendio sull’uomo
  • Divieti e limitazioni di esercizio
  • Misure comportamentali

Protezione antincendio e procedure da adottare in caso di incendio (1ora)

  • Principali misure di protezione antincendio
  • Evacuazione in caso di incendio
  • Chiamata dei soccorsi

Esercitazioni pratiche (2 ore)

  • Presa visione e chiarimenti sugli estintori portatili
  • Istruzioni sull’uso degli estintori portatili effettuata avvalendosi di sussidi audiovisivi o tramite dimostrazione pratica.

Rischio Medio

Incendio e la prevenzione incendi (2 ore)

  • Principi sulla combustione e l’incendio
  • Le sostanze estinguenti
  • Triangolo della combustione
  • Le principali cause di un incendio
  • Rischi alle persone in caso di incendio
  • Principali accorgimenti e misure per prevenire gli incendi

Protezione antincendio e procedure da adottare in caso di incendio (3 ore)

  • Le principali misure di protezione contro gli incendi
  • Vie di esodo
  • Procedure da adottare quando si scopre un incendio o in caso di allarme
  • Procedure per l’evacuazione
  • Rapporti con i vigili del fuoco
  • Attrezzature ed impianti di estinzione
  • Sistemi di allarme
  • Segnaletica di sicurezza
  • Illuminazione di emergenza

Esercitazioni pratiche (3 ore)

  • Presa visione e chiarimenti sui mezzi di estinzione più diffusi
  • Presa visione e chiarimenti sulle attrezzature di protezione individuale
  • Esercitazioni sull’uso degli estintori portatili e modalità di utilizzo di naspi e idranti

Rischio Elevato

Incendio e la prevenzione incendi (4 ore)

  • Principi sulla combustione
  • Le principali cause di incendio in relazione allo specifico ambiente di lavoro
  • Le sostanze estinguenti
  • I rischi alle persone ed all’ambiente
  • Specifiche misure di prevenzione incendi
  • Accorgimenti comportamentali per prevenire gli incendi
  • L’importanza del controllo degli ambienti di lavoro
  • L’importanza delle verifiche e delle manutenzioni sui presidi antincendio

La protezione antincendio (4 ore)

  • Misure di protezione passiva;vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti
  • Attrezzature ed impianti di estinzione
  • Sistemi di allarme
  • Segnaletica di sicurezza
  • Impianti elettrici di sicurezza
  • Illuminazione di sicurezza

Procedure da adottare in caso di incendio (4 ore)

  • Procedure da adottare quando si scopre un incendio
  • Procedure da adottare in caso di allarme
  • Modalità di evacuazione
  • Modalità di chiamata dei servizi di soccorso
  • Collaborazione con i vigili del fuoco in caso di intervento
  • Esemplificazione di una situazione di emergenza e modalità procedurali-operative

Esercitazioni pratiche (4 ore) con esame presso i vigili del fuoco

  • Presa visione e chiarimenti sulle principali attrezzature ed impianti di spegnimento
  • Presa visione sulle attrezzature di protezione individuale (maschere, autoprotettore, tute, etc.)
  • Esercitazioni sull’uso delle attrezzature di spegnimento e di protezione individuale

Valutazione e certificazione

I requisiti per l’attestato, rilasciato in collaborazione con l’Ente Bilaterale, sono:

  • Frequenza di almeno il 90% delle ore di formazione previste dal corso
  • Esito positivo del test di verifica

Corsi per Lavoratori per la Sicurezza sul Lavoro in base al D.lgs 81/08 ed alle norme specifiche in materia

lavoratori

Rischio Basso

In aula/eLearning
Formazione Generale 4 ore
Formazione Specifica 4 ore
*Aggiornamento  6 ore

Rischio Medio

In aula/eLearning
Formazione Generale 4 ore
Formazione Specifica 8 ore
*Aggiornamento  6 ore

Rischio Elevato

In aula/eLearning
Formazione Generale 4 ore
Formazione Specifica 12 ore
*Aggiornamento  6 ore

*Aggiornamento quinquennale

Programma e articolazione corso

Formazione Generale

  • Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali
  • Concetto di rischio e danno
  • Concetto di prevenzione e di protezione
  • Organizzazione delle prevenzione aziendale
  • Organi di vigilanza, controllo e assistenza

Formazione Specifica

  • Rischi specifici (rischi infortuni, meccanici generali, elettrici generali, macchine, attrezzature, rischi d’esplosione, cadute dall’alto, rischi chimici, nebbie – oli – fumi – vapori – polveri, etichettatura, rischi cancerogeni, biologici, fisici, rumore, vibrazione, radiazioni, microclima e illuminazione, stress lavoro correlato, videoterminali)
  • Dispositivi di Protezione individuale
  • Organizzazione del lavoro
  • Movimentazione manuale dei carichi
  • Segnaletica di sicurezza di emergenze
  • Procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico
  • Procedure di esodo e incendi
  • Procedure organizzative per il primo soccorso
  • Incidenti e infortuni mancati

Valutazione e certificazione

I requisiti per l’attestato, rilasciato in collaborazione con l’Ente Bilaterale, sono:

  • Frequenza di almeno il 90% delle ore di formazione previste dal corso
  • Esito positivo del test di verifica

Corso di formazione per dirigenti, così definiti dall’art. 2 comma 1 dlgs 81/08, secondo  Accordo Stato Regioni

dirigente

In Aula 16 ore
In eLearning 16 ore
In Aula/eLearning AGG* 6 ore

Dirigente persona che, in ragione delle: competenze professionali, poteri decisionali in natura dell’incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l’attività lavorativa e vigilando su di essa in materia di salute e sicurezza sul lavoro

*AGG Aggiornamento quinquennale

Programma e articolazione corso

Modulo Giuridico - Normativo

  • Sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
  • Gli organi di vigilanza e le procedure ispettive
  • Soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D.Lgs. n. 81/08: compiti, obblighi, responsabilita’ e tutela assicurativa
  • Delega di funzioni
  • La responsabilita’ civile e penale e la tutela assicurativa
  • La “responsabilita’ amministrativa delle persone giuridiche, delle societa’ e delle associazioni, anche prive di responsabilita’giuridica” ex D.Lgs. n. 231/2001, e s.m.i.
  • I sistemi di qualificazione delle imprese e la patente a punti inedilizia

Modulo Gestione ed Organizzazione della Sicurezza

  • Modelli di organizzazione e di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (articolo 30, D.Lgs. n. 81/08)
  • Gestione della documentazione tecnico amministrativa
  • Obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione
  • Organizzazione della prevenzione incendi, primo soccorso e gestione delle emergenze
  • Modalita’ di organizzazione e di esercizio della funzione di vigilanza delle attivita’ lavorative e in ordine all’adempimento degli obblighi previsti al comma 3 bis dell’art. 18 del D. Lgs. n. 81/08
  • Ruolo del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione e protezione

Modulo Individuazione e Valutazione dei Rischi

  • Criteri e strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi
  • Il rischio da stress lavoro-correlato
  • Il rischio ricollegabile alle differenze di genere, eta’, alla provenienza da altri paesi e alla tipologia contrattuale
  • Il rischio interferenziale e la gestione del rischio nello svolgimento di lavori in appalto
  • Le misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione in base ai fattori di rischio
  • La considerazione degli infortuni mancati e delle risultanze delle attivita’ di partecipazione dei lavoratori e dei preposti
  • I dispositivi di protezione individuale
  • La sorveglianza sanitaria

Modulo Comunicazione, Formazione e Consultazione dei Lavoratori

  • Competenze relazionali e consapevolezza del ruolo
  • Importanza strategica dell’informazione, della formazione e dell’addestramento quali strumenti di conoscenza della realta’ aziendale
  • Tecniche di comunicazione
  • Lavoro di gruppo e gestione dei conflitti
  • Consultazione e partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza
  • Natura, funzioni e modalita’ di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

Valutazione e certificazione

I requisiti per l’attestato, rilasciato in collaborazione con l’Ente Bilaterale, sono:

  • Frequenza di almeno il 90% delle ore di formazione previste dal corso
  • Esito positivo del test di verifica

Il Datore di Lavoro ha l’obbligo di designare tra i lavoratori gli addetti alla squadra di Primo Soccorso e di provvedere alla loro formazione.

ps

Gruppo A

In Aula 16 ore
In Aula Aggiornamento* 6 ore

Gruppo B o C

In Aula 12 ore
In Aula Aggiornamento* 4 ore

*Aggiornamento relativo solo alla parte pratica ed è obbligatorio effettuarlo almeno ogni 3 anni

Programma e articolazione corso

Prima lezione

Allertare il sistema di soccorso:

  • Cause e circostanze dell’infortunio (luogo dell’infortunio, numero di persone coinvolte, stato degli infortunati, ecc.)

Comunicare le predette informazioni in maniera chiara e precisa ai servizi di assistenza sanitaria di emergenza riconoscere un’emergenza sanitaria:

  • Scena dell’infortunio (raccolta delle informazioni; previsione dei pericoli evidenti e di quelli probabili)
  • Accertamento delle condizioni psico-fisiche del lavoratore infortunato (funzioni vitali – polso, pressione, respiro; stato di coscienza; ipotermia ed ipertermia)
  • Nozioni elementari di anatomia e fisiologia dell’apparato cardiovascolare e respiratorio

Tecniche di autoprotezione del personale Addetto al Primo Soccorso attuare gli interventi di Primo Soccorso:

  • Sostenimento delle funzioni vitali (posizionamento dell’infortunato e manovre per la pervietà delle prime vie aeree; respirazione artificiale; massaggio cardiaco esterno)
  • Riconoscimento e limiti di intervento di Primo Soccorso (lipotimia, sincope, shock; edema polmonare acuto; crisi asmatica; dolore acuto stenocardiaco; reazioni allergiche; crisi convulsive; emorragie esterne post-traumatiche e tamponamento emorragico) conoscere i rischi specifici dell’attività svolta

Seconda lezione

  • Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro (cenni di anatomia dello scheletro, lussazioni, fratture e complicanze; traumi e lesioni cranio-encefalici e della colonna vertebrale; traumi e lesioni toraco-addominali)
  • Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro (lesioni da freddo e da calore; lesioni da corrente elettrica; lesioni da agenti chimici
  • Intossicazioni; ferite lacero contuse; emorragie esterne)

Terza lezione

  • Acquisire capacità di intervento pratico (principali tecniche di comunicazione con il sistema di emergenza del SSN
  • Principali tecniche di Primo Soccorso delle sindromi cerebrali acute
  • Principali tecniche di Primo Soccorso nella sindrome respiratoria acuta
  • Principali tecniche di rianimazione cardiopolmonare
  • Principali tecniche di tamponamento emorragico
  • Principali tecniche di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato di Primo Soccorso in caso di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologici)

Valutazione e certificazione

I requisiti per l’attestato, rilasciato in collaborazione con l’Ente Bilaterale, sono:

  • Frequenza di almeno il 90% delle ore di formazione previste dal corso
  • Esito positivo del test di verifica

Corsi HACCP settore alimentare

haccp

OSA In Aula 6 ore

RIA In Aula 20 ore

HACCP Hazard Analysis and Critical Control Points, l’analisi dei rischi e punti critici di controllo è una metodologia che consente di applicare l’autocontrollo nelle imprese alimentari in maniera razionale ed organizzata.

*AGG Aggiornamento quinquennale

OSA operatore del settore alimentare

Programma e articolazione corso

  • (Reg. CE 852/04)
  • (Reg. CE 178/02)
  • I metodi di controllo ispirati ai principi direttivi dell’HACCP
  • Studio della metodologia HACCP: i sette principi fondamentali
  • Identificazione degli alimenti potenzialmente a rischio
  • Determinazione dei punti critici di controllo (CCP). Le malattie trasmesse dagli alimenti
  • Tossinfezioni alimentari
  • Ricevimento e stoccaggio dei prodotti alimentari
  • L’igiene dei locali
  • L’igiene della distribuzione
  • L’igiene del personale

RIA Responsabili dell'Industria alimentare

Programma e articolazione corso

Obiettivi e Normativa

  • Obiettivi e destinatari del corso
  • Accenni sulle principali norme in materia di alimenti

Tracciabilità e Valutazione dei Rischi

  • Tracciabilità e rintraccibilità degli alimenti;

Analisi del rischio

  • Il rischio alimentare
  • Le proprietà dei microrganismi
  • Meccanismi di contaminazione biologica degli alimenti
  • Microrganismi patogeni

Igiene Individuale e dei Luoghi di Lavoro, Comportamenti del personale:

  • Igiene della persona
  • Procedure specifiche
  • Igiene del processo
  • diagrammi di flusso
  • Ricevimento e stoccaggio
  • Preparazione e cottura
  • Conservazione a freddo e a caldo
  • Riscaldamento e raffreddamento

Igiene ambientale

  • Monitoraggio e lotta agli infestanti
  • Smaltimento rifiuti;   sanificazion.

Procedure di autocontrollo

  • Nomina del responsabile; analisi dei rischi
  • Individuazione dei punti critici di controllo
  • Analisi specifica delle problematiche delle varie aziende alimentari
  • Analisi delle strutture edilizie e delle attrezzature

Procedure di gestione del sistema

  • Procedura di verifica delle non conformità
  • Procedura di verifica delle emergenze
  • Procedura di revisione del sistema stesso

Alimentare

  • Il sistema HACCP, nozioni di base
  • Il “pacchetto igiene”, l’importanza dei controlli e delle verifiche
  • Norme igieniche basilari, tracciabilità e rintracciabilità
  • Nozioni di scienze degli alimenti e metodo HACCP
  • Igiene delle strutture, delle attrezzature e igiene personale
  • Rischi e punti critici nelle fasi di produzione, stoccaggio, trasporto e distribuzione
  • Misure correttive e di prevenzione
  • Aspetti normativi ed etichettatura

Valutazione e certificazione

I requisiti per l’attestato sono:

  • Frequenza di almeno il 90% delle ore di formazione previste dal corso
  • Esito positivo del test di verifica